Aggiornamenti legislativi

  • Requisiti accreditamento e certificazione

    Accredia_-_Marchio_istituzionale6DF5A
    10 giugno 2015

    Il 12 maggio scorso il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, hanno approvato con Decreto direttoriale i requisiti definiti da ACCREDIA per l’accreditamento e la certificazione in materia di: Società che forniscono servizi energetici (ESCo); Esperti in Gestione dell’Energia (EGE); Sistemi di Gestione dell’Energia (SGE).

    Scarica il decreto con gli schemi

    Maggiori informazioni

  • Diagnosi energetiche: chiarimenti sul DLgs102

    Ministero
    08 giugno 2015

    Il Ministero dello Sviluppo Economico ha redatto un documento di chiarimenti sull’applicazione del DLgs 102 con riferimento alla diagnosi energetica obbligatori delle imprese.
    Tra i contenuti più significativi vene confermata la definizione di “Grande impresa” e specificati gli obblighi per le imprese “multi sito”.

    Scarica il documento

  • Regione Marche: premi per l’efficienza energetica

    Marche
    03 giugno 2015

    Con la L.R. 17 del 20/04/2015 pubblicata sul BUR Marche n.37 del 30/04  “Riordino e semplificazione della normativa regionale in materia di edilizia” la Regione Marche all’art.11 prevede delle disposizioni in favore del miglioramento del rendimento energetico in edilizia sia per interventi di nuove costruzioni sia per interventi di ristrutturazione e riqualificazione su edifici esistenti. Le disposizioni riguardano agevolazioni e deroghe in termini di volumetrie, distanze e rapporti di copertura.

    Scarica il documento

  • Efficienza energetica degli edifici scolastici

    minambiente
    29 maggio 2015

    Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 109 del 13 maggio 2015 il Decreto interministeriale n. 66 del 14 aprile 2015, “Misure per l’efficientamento energetico degli edifici scolastici”. La norma è inserita nel “decreto Competitivita”, che ha stanziato per questa misura 350 milioni di euro attraverso il fondo rotativo Kyoto. Prevede la concessione di prestiti a tasso agevolato, lo 0,25%, per fare lavori di efficientamento energetico nelle scuole pubbliche.

    Le domande per l’ammissione al finanziamento agevolato potranno essere presentate solo dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’apposito avviso previsto dal decreto.

    Scarica il testo del decreto

    Maggiori informazioni sul sito nel Ministero dell’ambiente

  • UNI: commissione “Acustica e vibrazioni”

    UNI
    27 maggio 2015

    A seguito della riunione della UNI/CT 002/SC 01 “Acustica in edilizia” (sottocommissione mista Acustica e vibrazioni/Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio) tenutasi lo scorso 4 febbraio, la Commissione Acustica e vibrazioni ha preso la decisione di modificare il nome del Gruppo di lavoro 04 “Aggiornamento UNI/TR 11175”.

    La nuova denominazione del GL sarà “Metodo previsionale per la valutazione della prestazione acustica degli edifici a partire dalle prestazioni degli elementi”.

    La decisione è stata approvata per corrispondenza dalla Commissione Centrale Tecnica dell’UNI in data 27 aprile (Delibera n. 33/2015 C).

    Per maggiori informazioni

  • Conto termico: il GSE pubblica i primi risultati

    untitled
    25 maggio 2015

    Il GSE come ente preposto per seguire e monitorare il Conto Termico (DM 28/12/2012) ha pubblicato la prima relazione con i risultati tra giugno 2013 e dicembre 2014: 9822 le richieste di incentivi di cui 7720 richieste di Accesso diretto valutate di cui 7.599 da parte di soggetti privati e 121 da parte di Amministrazioni pubbliche.

    Gli interventi  più frequenti sono relativi al Solare termico e ai Generatori a biomasse che costituiscono, insieme, più del 93% degli interventi realizzati, relativi a richieste con contratto attivato. Tra le destinazioni d’uso prevalgono quelle residenziali.

    Scarica la relazione del GSE

  • La definizione degli edifici n-ZEB in Europa

    europa
    20 maggio 2015

    Per stimolare l’aumento di edifici sempre più efficienti energeticamente, la Direttiva EPBD 2010/31/UE, ha introdotto la definizione di n-ZEB come un edificio con fabbisogno di energia quasi nullo  la cui richiesta viene coperta in maniera significativa da energia da fonti rinnovabili. Come si identifica il “quasi nullo” e la percentuale di copertura da fonti rinnovabili è demandato ai paesi membri. Ogni Paese ha recepito la Direttiva quindi in base alle proprie esigenze e situazioni locali. Il Building performance Institute Europe (BPIE) ha pubblicato un interessante rapporto che riassume lo stato dell’arte sui differenti approcci e indicatori usati dai Paesi Membri  (più la Norvegia) per la definizione degli n-ZEB su edifici nuovi e esistenti.

    Per maggiori informazioni
    Scarica il rapporto BPIE

  • Diagnosi energetiche di grandi imprese

    fabbrica_verde
    18 maggio 2015

    Il decreto legislativo del 4 luglio 2014 numero 102, attuativo della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica entrato in vigore il 19/07/2014, prevede diagnosi energetiche obbligatorie per i soggetti che sono definiti nel decreto “grandi imprese” e per soggetti considerati “imprese a forte consumo di energia”. Come si eseguono le diagnosi? La regola dell’arte prevede di impiegare le norme di riferimento ovvero le norme del pacchetto UNI CEI EN 16247. Per l’ambito civile in particolare sono da impiegare la parte 1 dedicata ai requisiti generali e la parte 2 dedicata agli edifici. Presso il CTI sono in essere tavoli di lavoro dedicati all’attuazione del DLgs 102.

    Maggiori informazioni

    Approfondimento ANIT

  • Linee Guida sulle Fibre Artificiali Vetrose

    Ministero
    13 maggio 2015

    Nella seduta del 25 marzo 2015, la Conferenza Stato/Regioni, su proposta del Ministero della Salute, ha approvato le Linee Guida per l’utilizzo in piena sicurezza delle FAV (Fibre Artificiali Vetrose), ed in particolare delle lane minerali (lana di vetro e lana di roccia).

    Il documento ribadisce l’importanza della bio-solubilità (ovvero la concentrazione di ossidi alcalini ed alcalino/terrosi), al pari della dimensione delle fibre, come criterio di esenzione a ogni classificazione di pericolosità. Infatti, se le fibre superano il test di bio-solubilità (Nota Q) o hanno diametro medio ponderale superiore a 6 micron (Nota R) sono assolutamente sicure perché, oltre a non essere irritanti, sono classificate come non cancerogene. F.I.V.R.A.

    Da ciò discende, per la messa in opera e la rimozione di prodotti rispondenti alla Nota Q o alla Nota R, l’utilizzo delle sole norme base di prudenza (maschera protettiva, guanti, occhiali e indumenti da lavoro). Parimenti, i rifiuti costituiti da lane minerali bio-solubili sono rifiuti speciali non pericolosi, il cui deposito deve avvenire all’interno della discarica in celle simili a quelle per i rifiuti inerti.

    Per ulteriori approfondimenti CLICCA QUI

  • Legambiente: verso un Reg. Edilizio unico

    legambiente
    11 maggio 2015

    Il documento di studio riporta una serie di analisi dei regolamenti edilizi e proposte di miglioramento volte a incentivare la riqualificazione energetica degli edifici come punto di partenza per la realizzazione di quartieri più sostenibili. Vengono analizzati: Isolamento termico, serramenti, tetti verdi, isolamento acustico, orientamento e schermatura, permeabilità dei suoli, materiali locali e riciclabili, energie rinnovabili, risparmio idrico , recupero delle acque, pompe di calore e caldaie a condensazione, contabilizzazione individuale, ventilazione meccanica,  teleriscaldamento  e la certificazione energetica.

    Scarica il documento

Resta in contatto con anit!
Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nostre attività
Iscriviti alla newsletter
  • Iscrizione alla newsletter

    Leggi l'informativa Privacy