Aggiornamenti legislativi

  • Ecobonus: Provvedimento art. 10 Decreto Crescita

    ag-entrate
    17 settembre 2019

    Ricordiamo che lo scorso 31 luglio, l’Agenzia delle Entrate ha definito le regole della cessione del credito ai fornitori da accettare sotto forma di “sconto” così come descritto nell’art. 10 del “Decreto Crescita”. Il documento emanato definisce le “Modalità attuative delle disposizioni di cui all’articolo 10, commi 1 e 2, del Decreto-Legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58.

    Documento dell’Agenzia delle Entrate

  • “FER 1” E REGOLAMENTO OPERATIVO GSE

    gazzetta_ufficiale

    È stato pubblicato lo scorso 8 agosto in Gazzetta Ufficiale, il Decreto “FER 1” del 4 luglio 2019, che sostiene la produzione di energia da fonti rinnovabili per il raggiungimento dei target europei al 2030 definiti nel Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima (PNIEC). Il provvedimento prevede incentivi per la diffusione di impianti fotovoltaici, eolici, idroelettrici e a gas di depurazione.
    Inoltre è stato pubblicato sul sito del GSE (Gestore del Servizio Elettrico), il regolamento operativo per l’iscrizione ai Registri e alle Aste del DM 4 luglio 2019. Il primo bando sarà aperto il prossimo 30 settembre 2019.
    Link alla Gazzetta Ufficiale
    Link alla pagina GSE

  • Riqualificazione edifici pubblici in Emilia romagna

    regione_emilia_romagna

    La Regione Emilia Romagna mette a disposizione oltre 5 milioni di euro per il triennio 2019-21 per sostenere misure di risparmio energetico per gli edifici di Comuni, Unioni comunali, Province, società partecipate al 100% da Enti locali e per l’edilizia pubblica. Gli interventi nelle scuole e nell’edilizia pubblica residenziale riguardano principalmente il rinnovamento degli impianti di riscaldamento e il miglioramento delle prestazioni energetiche, con l’obiettivo di ridurre i consumi e valorizzare le fonti rinnovabili.
    I progetti, che possono riguardare la realizzazione di impianti solari, la redazione di diagnosi energetiche, attestati di prestazione energetica degli edifici, opere edili connesse alla realizzazione degli interventi energetici, oneri di sicurezza, saranno co-finanziati fino al 40% con un contributo massimo di 500 mila euro per spese da sostenere a partire dal 1 gennaio 2020.
    La richiesta di contributo deve avvenire dalle ore 10 del 10 settembre 2019 alle ore 17,00 del 31 gennaio 2020, attraverso l’applicativo Sfinge2020.
    I lavori per gli interventi devono essere conclusi entro il 31 dicembre 2021, salvo richiesta di proroga che dovrà pervenire entro e non oltre il 30 settembre 2021 e potrà essere concessa per un periodo di massimo sei mesi.
    Vai al sito della Regione

  • Regione Veneto: delibera sui controlli degli APE

    Veneto

    È stata pubblicata sul BURV 02/08/2019, n. 86, la Delib. G.R. Veneto n. 1090/2019 che definisce le modalità per l’effettuazione dei controlli della qualità dell’attestazione della prestazione energetica degli edifici. La  competenza per i controlli sugli Attestati di prestazione energetica (A.P.E.) è attribuita alle Province e ai Comuni.
    Il provvedimento ha previsto che la Città metropolitana di Venezia, le Province (per i Comuni con popolazione fino a 30.000 abitanti) e i Comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti, debbano controllare in ogni anno solare almeno il 2% degli A.P.E. relativi al territorio di propria competenza, registrati nell’applicativo della Regione.
    I controlli, prioritariamente sulle classi energetiche più efficienti, comprendono tipicamente:
    –  l’accertamento documentale degli A.P.E., inclusa la verifica del rispetto delle procedure di cui alle Linee guida contenute nel D.M. 26/06/2015;
    –  le valutazioni di congruità e coerenza dei dati di progetto o di diagnosi con la procedura di calcolo ed i risultati espressi;
    –  le ispezioni delle opere o dell’edificio.

    Vai al Documento:
    https://www.anit.it/wp-content/uploads/2019/09/Delib.G.R_Veneto_1090_2019.pdf

  • Lombardia: sì al rispetto dei Requisiti Acustici Passivi

    lombardia
    Nel nuovo modulo edilizio unificato per la “Relazione tecnica di asseverazione agibilità”, Regione Lombardia ribadisce l’obbligo di attestare a fine lavori il rispetto dei requisiti acustici passivi degli edifici, definiti dal DPCM 5-12-1997 e dalla Legge Regionale 13/2001.
    Nel nuovo modello al Punto 4: Requisiti Acustici Passivi degli edifici, una informativa riporta che, qualora l’intervento sia soggetto all’osservanza dei RAP, occorre allegare una attestazione di conformità a quanto stabilito dal DPCM 5-12-1997 a firma del Progettista o del Direttore Lavori o del Tecnico Competente in Acustica.
    In aggiunta, sul sito della Regione, alla sezione “Come accedere”, si specifica che la responsabilità della compilazione del Punto 4, ricade sul professionista che compila e firma il modulo. 
    Tornano quindi d’attualità i calcoli previsionali e i rilievi fonometrici in cantiere dei requisiti acustici passivi.
    Nel caso non vengano realizzati, come si potrà essere sicuri di ciò che si sta dichiarando?
     
    Per conoscere gli obblighi del DPCM 5-12-1997, leggi la sintesi ANIT.
     
    Per approfondimenti:
    Vai al sito di Regione Lombardia sui Moduli edilizi unificati
    Scarica dal sito della Regione il modulo per la Relazione di asseverazione agibilità
  • LEGISLAZIONE: RIEPILOGO NOVITA’ 2019

    ICON-efficienza
    20 agosto 2019

    ANIT ha elaborato una sintesi delle novità legislativo-normative più importanti pubblicate nel 2019 con l’elenco dei documenti legislativi di riferimento attualmente in vigore.
    Per facilitare la consultazione e l’approfondimento dei singoli temi, sono stati riportati gli estratti degli aggiornamenti legislativi ANIT 2019 relativi a efficienza energetica, detrazioni fiscali, acustica edilizia e sostenibilità.

    Scarica il Documento

  • AGENZIA ENTRATE: CHIARIMENTI ECOBONUS

    ag-entrate
    11 luglio 2019

    Sono state recentemente pubblicate le risposte le risposte dell’Agenzia delle Entrate a specifici interpelli del mese di giugno 2019:

    – Fruizione delle agevolazioni per riqualificazione energetica degli edifici e per interventi di recupero del patrimonio edilizio in caso di demolizione e ricostruzione dell’immobile con volumetria inferiore rispetto a quello preesistente (Articoli 1, commi da 344 a 349, della legge n. 296 del 2006 e 16-bis del TUIR).
    Risposta 210

    – Spese di rifacimento del tetto condominiale e cessione del credito. Articolo 1, commi da 344 a 347, della legge finanziaria 2007. Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 28 agosto 2017.
    Risposta 213

    – Lastrico solare interventi di recupero del patrimonio edilizio (Art. 16-bis del TUIR).
    Risposta 219

  • PRASSI UNI SULLA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE

    UNI

    E’ stata pubblicata la prassi di riferimento UNI/PdR 13:2019 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità”, frutto della collaborazione tra UNI, Ente Italiano di Normazione e ITACA, Istituto per l’Innovazione e la Trasparenza degli Appalti e Compatibilità Ambientale.
    Questa nuova edizione, che sostituisce la precedente UNI/PdR 13:2015 e che traduce in Prassi il Protocollo ITACA, introduce due importanti novità:

    – una nuova sezione dedicata alla valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici non residenziali, scaricabile al link:
    http://store.uni.com/catalogo/index.php/uni-pdr-13-1-2019.html

    – l’adeguamento alle novità relative alla normativa tecnica e ai Criteri Ambientali Minimi previsti dal D.M 11 ottobre 2017, obbligatori negli appalti pubblici per l’affidamento dei servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici, scaricabile a questo link:
    http://store.uni.com/catalogo/index.php/uni-pdr-13-0-2019.html


    La Prassi è invece scaricabile gratuitamente, previa registrazione, al seguente link: UNI/PdR 13.2:2019

  • DECRETO CRESCITA E SCONTI DIRETTI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA

    gazzetta_ufficiale

    Come sappiamo, l’Art. 10 del “Decreto Crescita” (Legge n. 58 del 28 giugno 2019 “Modifiche alla disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica e rischio sismico”) prevede per gli interventi di efficienza energetica, che il soggetto avente diritto alle detrazioni possa optare – in luogo dell’utilizzo diretto delle stesse – per un contributo di pari importo sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto.
    Tale corrispettivo sarà anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e sarà rimborsato in forma di credito d’imposta da utilizzare in compensazione in cinque quote annuali di pari importo.
    Tale opportunità sta creando non poche polemiche, soprattutto per i piccoli fornitori che potrebbero riscontrare difficoltà ad accollarsi tale onere.
    Restiamo in attesa degli sviluppi su questo tema e segnaliamo che ad oggi questa opportunità è subordinata all’uscita di un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate che ne definisca le modalità attuative e da emanare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto.
    Scarica il Decreto

  • MOLISE: EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

    molise
    13 giugno 2019

    E’ stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise (Edizione straordinaria n° 16 del 13.05.2019) il Bando che prevede la concessione di prestiti a tasso zero a favore delle amministrazioni pubbliche per l’installazione di sistemi di produzione di energia da fonte rinnovabile da destinare all’autoconsumo associati a interventi di efficientamento energetico. Il soggetto gestore del fondo e dell’avviso è Finmolise S.p.A., il quale agisce in qualità di organismo che attua lo strumento finanziario e provvede alle erogazioni del finanziamento oggetto dell’Avviso pubblico.
    La dotazione finanziaria complessiva del “Fondo energia” è pari a 6.7 milioni di euro e sarà gestita attraverso una procedura valutativa con procedimento a sportello, cioè con l’istruttoria delle istanze secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.
    Per saperne di più:
    www.finmolise.it/bandoenergia.html
    moliseineuropa.regione.molise.it/node/220

Resta in contatto con anit!
Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nostre attività
Iscriviti alla newsletter
  • Iscrizione alla newsletter

    Leggi l'informativa Privacy