DPCM 5-12-1997 – Requisiti acustici passivi degli edifici

Il D.P.C.M. 5-12-1997 è il documento di riferimento nella normativa italiana per l’acustica in edilizia.

Definisce le prestazioni che devono possedere gli edifici in merito a:
– Isolamento dai rumori aerei tra differenti unità immobiliari
– Isolamento dai rumori esterni
– Isolamento dai rumori da calpestio
– Isolamento dai rumori di impianti a funzionamento continuo e discontinuo
– Tempo di riverbero (per aule e palestre delle scuole)

Le prestazioni devono risultare verificate in opera, ad edificio ultimato.

Testo della normativa

Per approfondire leggi la SINTESI ANIT sul DPCM 5-12-1997

Oppure consulta:

GUIDE ANIT

Manuale di acustica

Corsi ANIT

Commenti, chiarimenti e circolari ministeriali:

Ministero dell’Ambiente – maggio 1998: Quali figure possono redigere le relazioni di calcolo.

Ministero dell’Ambiente – settembre 1998: Applicabilità per ristrutturazioni e rumori degli impianti.

Ministero dell’Ambiente – marzo 1999: Applicabilità del DPCM.

Ministero delle infrastrutture – febbraio 2004: Chiarimenti, in particolare su rumore degli impianti.

Unione Nazionale Consumatori – marzo 2005: Alcune perplessità sul Decreto.

Ministero dell’Ambiente – agosto 2010: Considerazioni in merito all’applicabilità del Decreto.

Consiglio Superiore Lavori Pubblici – giugno 2014: Applicabilità in caso di ristrutturazioni.

Ministero dell’Ambiente – luglio 2014: Considerazioni sui limiti del rumore da calpestio.

Ministero dell’Ambiente – ottobre 2017: Considerazioni sull’applicabilità in caso di suddivisione di un appartamento in due distinte unità immobiliari.