Stampa

  • Efficienza negli edifici, pubblicate le nuove Guide Anit

    23 maggio 2016
  • L’efficacia e la durabilità dei sistemi a cappotto

  • Chiarimenti normativi al 06.05.2016

    06 maggio 2016

    1. REGIONE LOMBARDIA: IMPIANTI TERMICI
    Con il decreto n. 11785 del 23-12-2015 sono state approvate le disposizioni operative per l’esercizio, la manutenzione, il controllo e ispezione degli impianti termici, in attuazione delle delibere di Giunta regionale n . X/3965 del 31-07-2015 e n. X/4427 del 30.11.2015. Il presente provvedimento sostituisce le disposizioni approvate in precedenza con il decreto n. 5027 dell’11-06-2014.
    LINK Decreto n.11785
    LINK Sintesi novità

    2. IMPIANTI GEOTERMICI: REGOLE PER L’INSTALLAZIONE E L’UTILIZZO
    Il Lazio istituisce il registro dei piccoli impianti, il Piemonte detta linee guida tecniche in attesa delle norme nazionali. Nel Lazio, la Legge regionale 3/2016 regola le piccole utilizzazioni locali di calore geotermico. In Piemonte, con il Decreto dirigenziale 66/2016 sono state dettate le linee guida regionali per l’installazione e la gestione delle sonde geotermiche.
 Le linee guida colmano, dal punto di vista tecnico, il vuoto legislativo creato dal D.lgs. 28/2011 in base al quale, entro 3 mesi dalla sua entrata in vigore, doveva essere approvato un decreto ministeriale per regolare la posa in opera delle sonde geotermiche e i casi in cui poter usare le procedure abilitative semplificate.
    LINK Normativa LR Lazio n.3/2016
    LINK Decreto dirigenziale 66/2016 – Regione Piemonte

    3. REGIONE CALABRIA E PROTOCOLLO ITACA
    Firmato un accordo tra l’Assessore regionale alle Infrastrutture Roberto Musmanno e la presidente di ITACA (Istituto per l’Innovazione e la Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale) Anna Casini.
    Il Protocollo ITACA, elaborato dall’omonimo organo tecnico della Conferenza delle Regioni è uno strumento per la certificazione del livello di sostenibilità ambientale di edifici con diverse destinazioni d’uso.
    Con la sottoscrizione di questo accordo, si dà attuazione alla LR 41/2011 ‘Norme per l’abitare sostenibile’. La certificazione di sostenibilità ambientale, infatti, sarà normata entro il prossimo 30 giugno dalla Giunta Regionale con l’emanazione del primo regolamento attuativo che darà operatività alla legge.
La certificazione, inoltre, sarà obbligatoria per tutti gli interventi di edilizia che saranno finanziati con i fondi pubblici.LINK LR 41/2011 ‘Norme per l’abitare sostenibile’: http://www.anit.it/wp-content/uploads/2016/05/Calabria-2011-11-04-n.-41.pdf
    4. REGIONE BASILICATA: A MATERA PARTE L’EFFICIENZA ENERGETICA
    Grazie ad un accordo tra ENEA e Comune di Matera verranno previsti interventi per l’efficientamento degli edifici pubblici e dell’illuminazione e per la mobilità sostenibile. Per rendere Matera capitale green della cultura, da prendere a modello dal punto di vista della sostenibilità, l’ENEA si è impegnata a mettere in campo competenze e soluzioni tecnologiche nei seguenti settori: fonti rinnovabili (fotovoltaico, bioenergie, solare termico e termodinamico), efficienza energetica, smart city, raffrescamento con energia solare (solar cooling), mobilità sostenibile e trasporto innovativo, accumulo di energia elettrica per applicazioni mobili e stazionarie e smart grid.

    5. ISOLAMENTO ACUSTICO FACCIATE: NUOVA NORMA DI MISURA
    È stata pubblicata la norma UNI EN ISO 16283-3 per la misura in opera dell’isolamento acustico di facciata.
    Il documento descrive gli strumenti da utilizzare, e le tecniche da adottare, per determinare la prestazione di isolamento ai rumori esterni dei singoli ambienti abitativi.
    La norma sostituisce la UNI 11572, che era stata pubblicata nel 2015 per sanare il “vuoto normativo” causato dall’anomalo ritiro della UNI EN ISO 140-5.
    Ora quindi è stato finalmente del tutto aggiornato il pacchetto di norme per la misura in opera dei requisiti acustici passivi degli edifici (R’w, L’nw, D2mnTw). Le vecchie UNI EN ISO 140 parti 4,5,7 e 14 sono state sostituite dalle nuove UNI EN ISO 16283 parti 1,2 e 3.
    LINK per acquistare la Norma UNI

     

  • La migrazione del vapore nelle strutture edilizie

    03 maggio 2016
  • VERNICI PER L’ISOLAMENTO TERMICO

    18 aprile 2016

    ANIT (Associazione Nazionale per l’isolamento Termico ed Acustico), AVISA-Federchimica (Associazione Nazionale vernici, inchiostri, sigillanti e adesivi) e ASSOVERNICI (Associazione italiana dei produttori di vernici per edilizia, industria, legno) – nell’ottica di tutelare il mercato e i consumatori – segnalano che in commercio sono presenti diversi prodotti apparentemente “miracolosi” dal punto di vista dell’isolamento termico che in realtà non forniscono le prestazioni dichiarate dalle aziende che li promuovono.

    In alcuni casi per tali vernici vengono dichiarati valori di conducibilità bassissimi, in altri casi i produttori propongono delle procedure di miglioramento delle prestazioni globali della struttura.
    Di fatto non ci risultano esistere attualmente prove eseguite in base alle norme vigenti o valutazioni scientificamente valide a supporto di tali prestazioni.

    ANIT ha pubblicato un documento di chiarimento sui meccanismi  che regolano l’isolamento termico dei materiali con particolare riferimento ai rivestimenti/finiture a bassissimo spessore.
    Tale documento è stato condiviso dalle associazioni di produttori di vernici e può essere scaricato al seguente LINK: http://www.anit.it/pubblicazione/vernici-isolanti-risparmio-energetico/

    ANIT, AVISA e ASSOVERNICI avvisano quindi tutti i professionisti di porre attenzione a tutti quei prodotti tipicamente di rivestimento o finitura con spessori molto bassi che dichiarano proprietà isolanti termiche dal punto di vista invernale.

    Per maggiori informazioni tecniche, immagini e altro contattare press @ anit.it

  • Fare chiarezza su isolamento e riflessione dell’energia termica

    13 aprile 2016
  • Materiali resilienti: calcoli, prestazioni e risultati

  • Vernici per l’isolamento termico: ANIT, AVISA e ASSOVERNICI mettono in guardia

  • Chiarimenti normativi al 07.04.2016

    1. Pubblicate le parti 4, 5 e 6 della norma UNI TS 11300
    Sono state pubblicate le nuove norme che completano il quadro normativo di riferimento alla base della metodologia di calcolo dell’indice di prestazione energetica globale dell’edificio:
    1. UNI/TS 11300-5:2016 “Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 5: Calcolo dell’energia primaria e della quota di energia da fonti rinnovabili”
    2. UNI/TS 11300-6:2016 “Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 6: Determinazione del fabbisogno di energia per ascensori, scale mobili e marciapiedi mobili”
    Sono invece state aggiornate e revisionate:
    1. UNI/TS 11300-4:2016 “Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria”
    2. UNI 10349-1:2016: “Riscaldamento e raffrescamento degli edifici – Dati climatici – Parte 1: Medie mensili per la valutazione della prestazione termo-energetica dell’edificio e metodi per ripartire l’irradianza solare nella frazione diretta e diffusa e per calcolare l’irradianza solare su di una superficie inclinata“.
    3. UNI/TR 10349-2:2016: “Riscaldamento e raffrescamento degli edifici – Dati climatici – Parte 2: Dati di progetto”
    4. UNI 10349-3:2016: “Riscaldamento e raffrescamento degli edifici – Dati climatici – Parte 3: Differenze di temperatura cumulate (gradi giorno) ed altri indici
    Con questa pubblicazione, il pacchetto normativo a supporto della Legge 90/13 e del relativo decreto attuativo D.M. 26/06/2015 è al completo.

    2. E’ on-line in nuovo sito Enea 2016
    E’ disponibile al link http://finanziaria2016.enea.it il sito per la trasmissione all’ENEA delle richieste di detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici con fine lavori avvenuta nel 2016.

    3. Riqualificazione energetica dei condomini
    L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito il documento che individua le modalità di cessione del credito corrispondente alla detrazione del 65% dedicata alle spese di riqualificazione energetica di parti comuni di edifici condominiali ai fornitori che effettuano i lavori. I contribuenti che rientrano nella “no tax area”, che non versano quindi Irpef possono cederla agli stessi fornitori che hanno eseguito i lavori o le prestazioni come parte del pagamento dovuto. La scelta di cedere il credito deve risultare dalla delibera assembleare che approva gli interventi oppure può essere comunicata al condominio che la inoltra ai fornitori. I fornitori che ricevono il credito come pagamento possono utilizzarlo esclusivamente in compensazione in 10 rate annuali di pari importo, a partire dal 10 aprile 2017. La quota del credito non fruita nell’anno è utilizzabile negli anni successivi e non può essere chiesta a rimborso.
    LINK per scaricare il Testo

    4. Sistema Certificazione Energetica: Delibera Emilia Romagna
    La Giunta regionale ha adottato la delibera del 7 marzo n. 304, Sistema di certificazione energetica degli edifici: determinazione del contributo richiesto ai soggetti certificatori ai sensi del comma 7 dell’art. 25-ter della L.R. n. 26 del 2004 e modifiche agli Allegati della deliberazione di Giunta regionale n. 1275/2015, con la quale si completa il quadro delle disposizioni in materia.
    Leggi di più
    La delibera riporta infatti le determinazioni riguardanti l’entità e le modalità di riscossione del contributo previsto dalla Legge regionale n. 26/2004 a copertura dei costi del sistema di controllo di conformità degli Attestati di prestazione energetica emessi. A partire dalla medesima data del 1° aprile l’Organismo regionale di accreditamento avvierà il sistema di controllo della conformità degli Attestati di prestazione energetica registrati nel sistema Sace, anche ai fini della irrogazione delle sanzioni previste dalla normativa vigente.
    LINK per scaricare la Delibera

  • L’efficientamento energetico degli edifici storici vincolati

Resta in contatto con anit!
Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nostre attività
Iscriviti alla newsletter
  • Iscrizione alla newsletter

    Leggi l'informativa Privacy