La relazione di calcolo previsionale dei Requisiti Acustici Passivi

Una relazione di calcolo previsionale dei requisiti acustici passivi (RAP) serve per valutare, a livello progettuale, le prestazioni di isolamento ai rumori di un edificio.

Di seguito alcune risposte alle principali domande dei professionisti su questo tema.

L’argomento può essere approfondito partecipando ai CORSI ANIT DI ACUSTICA


Una relazione di calcolo dei RAP quali prestazioni deve verificare?

In Italia i valori limite di legge sono definiti dal DPCM 5-12-1997 che specifica le prescrizioni per:

  • Isolamento dai rumori aerei tra differenti unità immobiliari
  • Isolamento dai rumori esterni
  • Isolamento dai rumori di calpestio
  • Isolamento dai rumori di impianti a funzionamento continuo e discontinuo
  • Tempo di riverberazione negli ambienti scolastici

Al decreto si possono affiancare ulteriori prescrizioni definite nelle legislazione locale (ad es. regolamenti edilizi di Comuni in prossimità di aeroporti) e, per gli appalti pubblici, occorre considerare anche le indicazioni del Decreto CAM 2017 (Criteri Ambientali Minimi)

Infine, in aggiunta ai limiti di legge, alcuni committenti richiedono a capitolato di ottenere in opera prestazioni specifiche.

I SOCI ANIT possono approfondire questo tema con le Guide: Acustica edilizia e Acustica e ristrutturazioni


Come fare i calcoli previsionali?

Le norme tecniche che descrivono i modelli matematici per i calcoli previsionali sono le norme serie UNI EN ISO 12354 e il rapporto tecnico UNI TR 11175. (Guarda un elenco delle norme in vigore a questo link).

Quando i modelli delle norme tecniche non permettono di simulare in modo adeguato la situazione di progetto, le esperienze già realizzate su edifici simili possono diventare una importante fonte di informazioni.

I SOCI ANIT possono eseguire i calcoli con il software ECHO


Cosa deve contenere un relazione di calcolo dei RAP?

Non esistono documenti legislativi, validi a livello nazionale, che definiscano i contenuti minimi delle relazioni di calcolo previsionale sui requisiti acustici passivi. Solo alcuni documenti locali, Leggi regionali o regolamenti edilizi dei comuni, hanno fornito qualche indicazione in merito (si vedano ad esempio le Delibere 896/2003 e 809/2006 della regione Marche).

Ad avviso di ANIT le informazioni che è opportuno inserire in una relazione sui RAP sono:

  1. Descrizione dell’intervento edilizio
  2. Identificazione dei limiti di legge da raggiungere in opera, in funzione della destinazione d’uso degli ambienti abitativi
  3. Indicazione di eventuali ulteriori prescrizioni, definite in funzione del clima acustico dell’area o da richieste del committente
  4. Definizione dei modelli di calcolo adottati (ad es. UNI EN ISO 12354 e/o UNI TR 11175)
  5. Descrizione delle stratigrafie considerate nei calcoli, delle tipologie di sistemi utilizzati e delle prestazioni dei prodotti coinvolti.
  6. Calcolo delle prestazioni acustiche in opera e indicazione dei risultati
  7. Confronto con i limiti da rispettare
  8. Indicazioni di corretta posa in opera di materiali e sistemi edilizi
  9. Individuazione delle fasi critiche della realizzazione e delle eventuali modalità di verifica in cantiere
  10. Identificazione dello studio professionale che ha redatto la relazione.

Si evidenzia in particolare l’importanza del Punto 8, cruciale per il raggiungimento in opera dei valori determinati attraverso calcoli previsionali.


È “obbligatorio” redigere, prima dell’inizio dei lavori, una relazione di calcolo previsionale dei requisiti acustici passivi?

Il DPCM 5-12-1997 non specifica niente in merito, ma alcuni regolamenti edilizi e alcune Leggi Regionali indicano che è  obbligatorio realizzare una relazione di calcolo dei RAP prima dell’inizio dei lavori.

A prescindere dagli obblighi legislativi risulta comunque evidente che, se l’obiettivo è quello di raggiungere una determinata prestazione di isolamento acustico (ad esempio i limiti imposti dal DPCM 5-12-1997), diventa in pratica necessario realizzare simulazioni di calcolo.

Inoltre è importante evidenziare che, in moltissimi casi, al termine dei lavori chi ha seguito l’intervento edilizio dovrà attestare sui moduli del Comune, sotto la propria responsabilità, di aver rispettato le prescrizioni del DPCM 5-12-1997. Pertanto, a maggior ragione, una relazione di calcolo previsionale diventa un importante strumento per impostare i lavori in cantiere.

Attenzione! L’aver presentato in Comune una relazione di calcolo previsionale dei RAP non è garanzia di rispetto dei limiti di legge al termine dell’opera. Eventuali errori di posa in cantiere possono vanificare i risultati a fine lavori.


È necessario essere Tecnici Competenti in Acustica per redigere le relazioni di calcolo previsionale dei Requisiti Acustici Passivi?

La Legge 447/1995 (Art. 2 comma 6) indica che il Tecnico Competente in Acustica (TCA) è la figura professionale idonea a “effettuare le misurazioni, verificare l’ottemperanza ai valori definiti dalle vigenti norme, redigere i piani di risanamento acustico e svolgere le relative attività di controllo”.

Mentre è pacifico che le misure fonometriche per la verifica in cantiere dei RAP devono essere eseguite da un TCA, non vi è una chiara indicazione legislativa, a livello nazionale, sui calcoli previsionali dei requisti acustici passivi.

Secondo un documento emanato  dal Ministero dell’Ambiente nel 1998 qualsiasi “progettista edile” può redigere le relazioni di calcolo  previsionale. Inoltre alcune Leggi Regionali sembrano confermare questa considerazione. Si raccomanda però di verificare sempre l’esistenza di eventuali indicazioni differenti nei documenti locali (Leggi Regionali o Regolamenti Edilizi comunali). Ad esempio nelle Marche la DGR 809 del 2006 specifica che i calcoli previsioni di acustica devono essere redatti da tecnici competenti.

ANIT evidenzia semplicemente che, per redigere in modo compiuto una relazione di calcolo previsionale dei RAP, è necessaria una adeguata preparazione sia nel campo dell’acustica che nel campo dell’edilizia.

Per questa ragione i CORSI ANIT per Tecnici Competenti sono sviluppati per approfondire nel dettaglio entrambi gli aspetti.


Per approfondire


ANIT RISPONDE è una sezione del sito ANIT dedicata a sintesi e chiarimenti sui temi dell’efficienza energetica e del comfort acustico. I contenuti delle pagine possono subire variazioni a seguito di modifiche nella normativa di riferimento o di segnalazioni dei soci ANIT. Le informazioni sono da ritenersi comunque indicative e, in particolare per gli aspetti legislativi, è sempre necessario riferirsi anche ai documenti ufficiali.
Torna a “ANIT RISPONDE”
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+
Resta in contatto con anit!
Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nostre attività
Iscriviti alla newsletter
  • Iscrizione alla newsletter

    Leggi l'informativa Privacy